News

04/01/2022

Carichi insostenibili e ferie cancellate, diffida ad Asugi

Cgil Funzione pubblica e Fials si sono rivolti a uno studio legale per chiedere ad Asugi che vengano rispettati i turni di servizio del personale del comparto sanitario in prima linea nell'emergenza Covid. Nella diffida, i sindacati infatti affermano che il personale è costretto a reggere carichi di lavoro insostenibili e senza la possibilità di usufruire delle ferie richieste. A inizio novembre era già stato indetto lo stato di agitazione quando la pressione sugli ospedali era iniziata a salire a causa dell'impennata dei contagi Covid. Nell’incontro del 26 novembre in Prefettura, Asugi si era impegnata ad assegnare 8 infermieri e 4 Oss ai 22 posti letto al reparto Pneumocovid, ma alla fine erano arrivati solo 5 infermieri e 2 Oss a fronte di un aumento di 4 posti letto nello stesso reparto. Un assetto che contrasta con le raccomandazioni dell'Associazione nazionale infermieri. La carenza di operatori impedirebbe al personale, costretto a indossare i Dpi, di fare una pausa ogni 3/4 ore necessaria ad evitare errori e al recupero fisiologico. Lo studio legale, quindi, «diffida Asugi a provvedere tempestivamente ad adeguare l'organico del personale».
«È una situazione inaccettabile - dice Francesca Fratianni della Cgil Fp - continua a mancare personale ma negli ultimi due anni, nonostante gli appelli che lanciamo da tempo, nulla è stato fatto. Gli operatori si trovano con un accumulo importante di ore e di ferie. A molti è stato chiesto addirittura di rinunciare a settimane già concordate: l'Azienda ha promesso che nulla verrà perso, resta però da capire quando. Dallo scoppio della pandemia la macchina sta girando a un ritmo impressionante e si continuano a chiedere sforzi a chi sta andando avanti ormai quasi per inerzia».