News

16/09/2021

La Filcams proclama lo sciopero dei lavoratori informatici del COmune

Nelle giornate di oggi e domani la FIlcams Cgil ha proclamato 48 ore di sciopero per i lavoratori del Gruppo GPI, ditta che si occupa in subappalto con convenzione CONSIP per conto di Fastweb dei servizi informatici del Comune di Trieste. Nella giornata di ieri la Filcams ha indetto un presidio in Piazza Unità a partire dalle 13.30, a cui ha presenziato anche un dirigente comunale, ma lo stato di agitazione era stato proclamato già a luglio di quest’anno. Il motivo? L’inquadramento contrattuale, che non risulta idoneo alle mansioni dei 5 dipendenti del Gruppo. Si tratta infatti di un Contratto Multiservizi, quando invece dato il carico di lavoro l’inquadramento più idoneo sarebbe relativo ai Servizi Informatici.
Il Gruppo, che conta oltre 6000 dipendenti complessivi, ha inserito nel team che lavora a Trieste anche 3 figure professionali assunte tramite agenzia interinale. Questi hanno un Contratto Telecomunicazioni, paradossalmente più idoneo rispetto a quello dei dipendenti diretti di GPI. “Abbiamo chiesto un incontro al datore di lavoro per chiarire questa situazione che riguarda professionisti che lavorano in Comune da 20-22 anni e che nel periodo di pandemia, con l’introduzione dello smart working, sono rimasti nei rispettivi uffici per garantire il funzionamento delle infrastrutture digitali del Comune di Trieste” sono le parole di Michela Glavich della FiIlcams Cgil Trieste.